Ricerca
Ricerca Menu

Come lavora uno psicoterapeuta

Accolgo la domanda di aiuto così come viene formulata. Alcune persone sanno dare un nome al proprio disagio, altre hanno solo una vaga idea di quale sia il problema, ma sanno che stanno male. Quasi sempre si rende necessario ri-analizzare insieme al paziente la domanda di aiuto: infatti è utile allargare il campo visivo e cercare di comprendere le cause profonde del malessere, affinché la cura non sia soltanto un “tampone” al sintomo, ma una risoluzione alla radice. Questo è uno dei motivi per i quali noi psicologi/psichiatri richiediamo più di un colloquio. Ancora più frequentemente è necessaria una visita di controllo, nel caso in cui sia necessaria una terapia farmacologica.

Psicoterapeuta

E proposito di farmaci, uso le medicine quando ce ne è bisogno e in questo sono uno psicoterapeuta molto tradizionale: la buona farmacologia è la salvezza, oltre che la salute, per molte persone!

Allo stesso modo, propongo la psicoterapia quando ce ne sia effettivamente bisogno. Significa che prendo il tempo necessario per fare una buona diagnosi e chiarire alcuni nodi importanti sui quali lavorare con il paziente. Propongo un percorso di cura personalizzato, che tenga conto delle esigenze di psicoterapeuta e paziente.

Prenota online

I miei riferimenti teorici

Credo che sia lo psicoterapeuta a guarire, non tanto la terapia o il tipo di psicoterapia: conosco molti Colleghi che nella loro pratica clinica si riferiscono a Scuole diverse dalla mia e quindi ad approcci teorici diversi, davvero molto in gamba.

Detto questo, la mia formazione clinica e il mio modo di lavorare fanno riferimento alla psicoanalisi ferencziana e alla psicopatologia fenomenologica.

 

Contattami per approfondire

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInPin on PinterestPrint this pageEmail this to someone